raccoglitrice

FINALITA’ DEL PROGETTO

Le finalità del progetto legate agli obiettivi dello stesso prevedono:
  1. La riconversione dell’area agricola, attualmente dedicata in prevalenza alla coltivazione convenzionale di grano, in colture officinali aromatiche pregiate con metodo biologico e biodinamico.
  2. La creazione e l’organizzazione di una nuova filiera produttiva delle erbe officinali per la trasformazione, a mezzo distillazione per corrente di vapore, in oli essenziali di pregio, attraverso un’integrazione dei produttori primari locali, nella filiera, un potenziamento della competitività dell’agricoltura locale e un incremento della redditività delle imprese agricole.
  3. Uno sviluppo economico integrato nelle Colline dei Profumi, che valorizzando l’identità del territorio e i suoi valori paesaggistici, permetta un collegamento tra ruralità, prodotti tipici e sviluppo turistico attraverso la promozione del territorio, la commercializzazione e l’utilizzo dei prodotti cosmetici ottenuti per la vendita diretta all’interno di strutture ricettive e di produzione di servizi legati al benessere.
I risultati attesi si traducono nei principali punti:
  • Bonifica dell’impatto ambientale delle colture nel territorio attraverso metodi biologici e biodinamici.
  • Vantaggi competitivi, assicurando alle imprese agricole e di trasformazione, il recupero di redditività, l’incremento della produttività dei fattori produttivi (capitale e lavoro), uno sviluppo sostenibile, nonché la riduzione dei costi, grazie agli investimenti in mezzi tecnici per la produzione e per la raccolta meccanizzata e la trasformazione in loco in olio essenziale presso l’azienda FLORA.
  • Messa a punto di un nuovo modello organizzativo all’interno della filiera innovativa delle erbe aromatiche di pregio.
  • Sviluppo di un nuovo modello di integrazione delle attività economiche sul territorio: diversificazione delle attività agricole come gli agriturismi, del settore secondario coinvolto nell’industria cosmetica e aromatica, del settore terziario includendo strutture ricettive, servizi al benessere, ristorazione e vendita diretta.
  • Potenziamento dell’economia locale, sotto il profilo occupazionale, socio culturale e economico, valorizzandone l’identità locale e sollecitando un collegamento tra ruralità, prodotti tipici e sviluppo turistico.